Giornata della memoria 2015

by Monia Andreani

 Accademia di Belle Arti di Macerata in collaborazione con Popsophia. Filosofia del contemporaneo

Dalle ore 17.30,  presso l’Auditorium Svoboda, nella chiesa di San Vincenzo di via Berardi, completamente restaurato e rinnovato per l’occasione. L’intervento di apertura della direttrice dell’Accademia Paola Taddei ci aggiornerà su questo recupero e ricorderà la storia dell’intero complesso delle suore cappuccine, che si trova proprio nel retro del trivium judeorum, l’antico insediamento ebraico della città. A seguire, la professoressa Paola Magnarelli contestualizzerà l’appuntamento ricordando il ruolo della comunità ebraica nelle Marche.

Alle ore 18.30 Monia Andreani parlerà di La Banalità del male, Eichman a Gerusalemme di Hannah Arendt come reale occasione per non dimenticare e mantenere l’attenzione viva sul male radicale che si presenta come il tripudio del bene non pensato, non riflettuto, senza responsabilità individuale e collettiva. Tra i libri più rivoluzionari per tutta la cultura occidentale, difficile, per il taglio filosofico e non partigiano, è la trascrizione delle impressioni di una giornalista intellettuale e impegnata, ebrea,  del processo al Criminale Nazista Adolph Eichmann a Gerusalmme nel 1963. La storia è stata narrata mirabilmente da Margarethe Von Trotta nel 2012.

Alle 21.30, per continuare a ri-cordare  “Gam Gam, pensieri immagini e canzoni”, uno spettacolo inedito che unisce filosofia, arte, musica e cinema, realizzato in collaborazione con Popsophia. La regia di Marco Bragaglia, le canzoni dal vivo dell’ensemble musicale Popsound e la voce recitante di Chiara Pietroni, accompagneranno il dialogo tra la direttrice artistica di Popsophia Lucrezia Ercoli e Adriano Fabris, Ordinario di filosofia morale all’Università di Pisa ed esperto di pensiero ebraico del Novecento.